Cerca
  • leo.fontanarosa

Bolzano, sul sentiero di Sant'Osvaldo

Aggiornato il: 11 ore fa

A Bolzano, città che per ventura si è trovata nel mio percorso di vita, esiste un sentiero che dal fiume Talvera sale lungo le colline ricche di vigneti sul fianco del monte Tondo. Il sentiero, che prende il nome dall'antica chiesetta di Sant'Osvaldo, si fa via via più ripido inerpicandosi sulle scure rocce porfiriche, fino a congiungersi con un'altra strada che conduce a Castel Roncolo, una fortezza medievale contenente un ciclo di affreschi meravigliosamente conservati che mi hanno lasciato senza fiato. Come sempre ho cercato di tradurre in versi le mie sensazioni.


Sul sentiero di Sant'Osvaldo


Su ciottoli rugosi

di terra viva e calda

la vigna alta respira lenta

al mio cammino al Tondo.


Suona in basso il rivo

e il verde acceca l’alba

sul sentiero del santo

un fiore bianco l’azzurro esalta.


Rotola qualche roccia

al passare ripido

e salgo la via serpentina

all’ombra d’un crocifisso silente

che veglia i frutti rossi della terra.


Sono solo all’apparenza,

ma seguono le ombre felici

e ricordi dei cari sui miei passi.


Dall’alto la bellezza

della città cinta dai monti

coi suoi campanili

e gli odori antichi di sete e spezie.


Un castello bruno è la mia meta,

dove trovo il racconto

di amori antichi e il sussurro

di dame e cavalieri.


739 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti